mercoledì 27 febbraio 2008

Le regole del Baito


le sappiamo, ma non le abbiamo mai scritte...le subdoriamo, ma nessuno le ha mai dette...le utilizziamo costantemente, ma nessuno ne parla con gli altri...
Ecco finalmente la verità messa per iscritto:
1. Gli amici del Baito non fanno complimenti
2. Se c'è una griglia fuori c'è una grigliata
3. Se non c'è la griglia la si porta e la carne si fa lo stesso
4. La mortazza per i momenti di crisi la sera e il pomeriggio non manca mai
5. La macchina è sempre molto più carica di quanto in realtà non sia necessario
6. C'è sempre un motivo per far festa e portare gli amici al Baito
7. C'è sempre una persona da escludere dalla mailing list degli amici del Baito perchè oggetto di una sorpresa
8. Gli amici del Baito non sono chiusi a nuove esperienze e a nuove baite
9. Il Baito per antonomasia è dal Cesare
10. Anche tutte le altre baite sono potenzialmente un buon Baito
11. Per ogni Baito che si rispetti c'è almeno un nuovo gioco da fare
11b. I regali del Baito tra gli amici del Baito sono tutti costruiti a mano e con molta fantasia
11c. Se si manda una mail al gruppo del Baito c'è sempre qualcuno che risponde aprendo una nuova discussione che non c'entra nulla con la prima
11d. Il gruppo del Baito, essendo un gruppo, si muove in gruppo
11e. Il Baito è bello perchè è vario
11f. Il Baito è equo e solidale
12. I pranzi, le cene e le colazioni al Baito sono interconnesse e indivisibili, si comincia a mangiare quando si arriva e si smette due minuti prima di andar via
13. Nonostante intorno al Baito si possano fare delle gite bellissime difficilmente ci si riesce a separare dalla panchina del Baito

Evviva il supermegaBaito!

martedì 26 febbraio 2008

SERJ TANKIAN



Unica data italiana il 17 aprile all'Alcatraz di Milano per l'eccentrico leader e singer dei leggendari System Of A Down!











Chi viene?

sabato 23 febbraio 2008

SI È LAUREATA LISA LAUREATA SI È (JINGLE)



Gli amici del baito non si smentiscono mai, l’ultimo week end in quel del passo del Cimirlo che volge a mezzogiorno è stato fantastico.
Tra luganeghete, bira, pastallamatriciana e tutto il resto la compagnia non si è fatta mancare nulla!
La dolce e tenera Lisa, travestita da fata turchina, è dovuta sottostare a tutte le prove preparate con cura dal gruppetto di folli emailer…uscita “quasi” indenne dalle numerose prove mentali e fisiche, si è destreggiata tra un fotomontaggio e l’altro fino ad arrivare al GOLlum!!!
Piccolo post per ringraziare tutti, chi c’era, chi non c’era, chi ha scritto e chi ha riscritto, chi ha aiutato e chi ha proposto, risposto, contrapposto!!!
Evviva Dottoressa Magistrale!!!!

martedì 19 febbraio 2008

LA MIA PATENTE B e forse A



Cominciamo dal principio: nel lontano settembre 2007 decido di fare la patente A, approfittando della scadenza delle B (si, sono passati già 10 anni). Vado baldanzoso alla visita esponendo i fatti per poter quindi risparmiare qualche soldino (fare un solo certificato medico per due patenti). Mi assicurano che con due o tre timbri tutto andrà bene e quindi mi reco felice e gioioso alla motorizzazione di Trento per prendere il foglio rosa: “ma lei vuole fare rinnovo B e conseguimento A?...non si può! Ma non lo sanno all’azienda sanitaria? Questo foglio da solo non basta, lei deve anche fare un timbro qui…”
ZIO CANE
Ne è sicura? Non possiamo risolverla qui tra di noi? “no no, assolutamente no, lei deve fare così e così”
ZIO STRACANE
Allora me ne torno mogio mogio (correndo come un dannato in macchina) all’APSS per farmi fare il timbro nuovo…tiro fuori dalla mensa la dottoressa che mi ha fatto la visita (ormai è l’una) e la faccio timbrare…come una saetta torno in motorizzazione e tiro fuori per i capelli la tipa della motorizzazione “le hanno già fatto il timbro? Deve aver corso parecchio! Ci ha messo un attimo!”
MAVACCAGARE
Purtroppo poi il generale inverno non mi aiuta e la pratica della moto si fa sempre più dura…il freddo incalza e mi decido a fare l’esame solo il 19 febbraio…dopo aver già visto la mia patente stampata, rinnovata e con una lettera in più, riesco a farmi segare colpendo con la ruota posteriore l’ultimo birillo dello slalom…cha palle!!!
Va bene dai, prenoto il nuovo esame per fine marzo sperando che non mi seghino…il che vorrebbe dire nuova visita medica e molto più sbattimento. Per prevenire eventuali problemi chiedo in motorizzazione l’iter della pratica di rinnovo patente B pensando che con il certificato medico già in mio possesso io possa per lo meno rinnovare la patente B. mi dicono che la motorizzazione di Roma dovrebbe già aver spedito il tagliando nuovo, in quanto il conseguimento della patente A è slegato dal rinnovo della B. OK, quindi è come pensavo io, le due cose sono slegate, anche se il certificato è lo stesso. Se lo dite voi, provo a chiamare Roma. Roma dice che l’APSS non ha mai spedito nulla, quindi la pratica non è neppure partita…OK…sento l’APSS allora. E da qui nasce il post di oggi. Chiamo e riescono a dirmi che loro non hanno spedito nulla, considerato che dovevo conseguire la patente A, e se ho lasciato passare i 6 mesi del foglio rosa è colpa mia…allora gentilmente faccio notare che, essendo un esame, mi potevano anche segare e che avrei potuto ripetere la prova…risposta: allora non venga a chiedere a me se lei si fa bocciare. OK. CALMA. BUONO CARLO. Tento la via della diplomazia e chiedo cosa dovrei fare nel caso mi dovessero segare ancora. Il saputello mi fa gentilmente notare che allora dovrei rifare la visita e che non si può usare il certificato già in mio possesso per rinnovare la patente B…quindi mi ribadisce il concetto che il certificato non si può utilizzare slegato, quindi o prendo la patente A e conseguentemente mi rinnovano la B oppure dovrei fare due visite separate: una per il rinnovo della B e una per il rilascio della A…ma se in motorizzazione mi avevano detto che si poteva? Dopo aver insistito un’altra volta e avendo sentito sempre la stessa risposta desisto per sfinimento e lascio perdere…grazie e arrivederci…
Non so se mi sono spiegato bene, non so se avete capito, comunque la morale è questa:se dovete fare delle carte cercate di rimanere il più possibile all’interno degli standard della mediocrità che un paese come l’Italia vi può offrire. Se tentate, come me, una strada alternativa, sicuramente più logica e lineare ma decisamente fuori dagli schemi, sappiate che avrete tutti contro e che nessuno dirà la stessa cosa che ha detto il giorno precedente ma, addirittura, darà la colpa a voi di non aver capito nulla!!! La seconda morale è che se riesco a passare l’esame la prossima volta mi posso evitare un casino di sbattimenti in più…incrociate le dita anche per me!