giovedì 27 marzo 2014

Me la lego


Eccolo. Il mio vero problema. Il rancore. Dico tanto che mi scivola tutto addosso ma poi alla fine c'è uno scomparto in memoria dedicato a quest'aspetto...se me la fai ti dico "sisi vabene tranquillo" ma anche se consciamente lo penso in realtà non lo penso per niente!!!
Maledizione...me ne accorgo perché quando poi ricapitano situazioni simili mi sale un po' il nervoso e poi si libera la parte di memoria dedicata e il nervoso aumenta...
Mi sa che devo lavorarci ancora un po' su...intanto FANCULO! ;)
















venerdì 31 gennaio 2014

Natale ed Epifania


Ogni tanto torna la voglia di scrivere qualcosa. 
L'evento scatenante è stata la notiziona bomba del 2013. Ciò che credevo non è.
Ovviamente frase criptica ma mai più spiattello i fattacci miei sul web. Dovrò pur mantenere un certo riserbo alla mia veneranda età!
Comunque notizia che sconvolge gli equilibri familiari e nasce corredata da duplici sentimenti: da una parte quello bello della novità, della possibilità e della scoperta, dall'altra ovviamente quella del senso di colpa e delle occasioni sprecate.
Ma adesso, grazie anche a chi non ha assolutamente idea di quello che gli sta accadendo attorno, si può ricominciare e trovare dei punti di contatto, dimenticando il passato e tutto quello che è stato e riscoprendo un nuovo rapporto e tutto quello che ancora può essere.

Poi ne sono successe tante di cose in quest'anno passato che a tentare di ricordarle tutte non ci riuscirei di certo. Sta di fatto che per me è sempre difficile mettere un punto sulle cose, soprattutto se il mio sentire è di non aver chiuso e concluso. A me piace tirarli fuori i sassi da sotto il tavolo e guardarli per bene e studiarli tutti insieme...che senso ha tirarli fuori e poi spaventarsi e rimetterli sotto? Sarà sempre più difficile guardarli in un secondo momento no? Si rischia addirittura di non aver più la forza di tirarli fuori!!!

venerdì 22 febbraio 2013

Turiamoci il naso



È doveroso fare un po' il punto della situazione a ridosso delle elezioni politiche 2013. Si vota tra pochissimi giorni e l'indecisione la fa da padrona. Diciamo che mi trovo come quando dovevo sceglierà l'università da fare, vado per esclusione.
Mi piaceva molto Giannino, che, nonostante non avesse linee politiche su temi importanti come bioetica, sull'immigrazione, sull'integrazione europea e anche lato giustizia la proposta di cambiare radicalmente e spodestare l'attuale classe politica non mi dispiaceva affatto. Un po' come per Grillo. Via tutti e rinnoviamo. Anche se non hanno le idee chiare sul molte cose l'importante è mandarli via tutti e rimediare allo sfascio a cui ci hanno portato in questi anni e poi si vedrà. Questo sarebbe il mio voto di pancia. Poi Giannino ha fatto la sua e in questo mi sono accorto di un grave problema degli italiani, perdonare o far finta di non vedere. Io l'avrei votato lo stesso, nonostante la marachella delle lauree. Vabbè, ha mentito, ma condivido quello che dice ora quindi che senso ha il passato? Un atteggiamento erroneo che probabilmente è il motivo che spinge molti a rivotare Berlusconi...ma cercando di essere un minimo coerente Giannino è escluso nonostante poi si sia comportato bene e abbia ammesso le sue colpe abdicando, al contrario di uno come Berlusconi che se le fa, se le dice e poi quando è sgamato manipola un po' le cose e ricomincia, quindi lui è escluso a priori. Ritengo che chiunque abbia un minimo di intelligenza critica non possa rivotare una persona che mediaticamente è semiinfallibile ma al governo si adagia e fa i propri interessi. La memoria di chi lo andrà a votare è veramente corta.
Poi c'è il voto di testa. Se io sposto il mio voto fuori dalla coalizione di sinistra di fatto rafforzo quella di destra, che ha sempre avuto il grande vantaggio di essere unita sotto lo stesso padrone. Quindi impedirei al centrosinistra di avere una maggioranza netta costringendola a "venire a patti", sempre che vinca,  con altre coalizioni minori (M5S in primis), che andrebbe anche bene ma questo giocherebbe a sfavore di una stabilità globale...
Quindi, voto di pancia o voto di testa?

martedì 15 gennaio 2013

Posteri


Mi si era insinuato quando un amico aveva detto: "vedremo quando tuo figlio scorrerà la story line del tuo profilo facebook" e ieri sera si
è definitivamente impresso nel mio cervelletto quando ho visto un video su youtube di 3 anni fa di una balla colossale di un altro amico...
Il passato è presente. Anche i miei figli potranno vedere perfettamente, o quasi, tutto quello che erano quando erano piccoli. Dai primi
passetti fino alle foto in cui ci si prendeva un po' in giro.
questo fatto da un lato è una figata. Io per ritrovare dei filmini fatti al liceo ho dovuto smadonnare per parecchi anni prima di ritrovarli
e poi per masterizzarli...
Mio figlio basta accenda il pc e vada nell'anno che gli interessa...
A questo punto, quando vorranno uscire e farsi una sana birretta con gli amici cosa potrà dire quel mio amico quando, padre, dirà a suo
figlio: "mi raccomando fai il bravo, non bere e non fare tardi"
e suo figlio, smartphone alla mano e con il video in riproduzione, risponderà: "posso fare quello che voglio, tanto sarà sicuramente molto
 meno di quello che tu hai fatto in un solo giorno..."

AHIA...

giovedì 27 dicembre 2012

Compendio


Giunti alla fine anche di quest'anno tirare le somme è ormai quasi d'obbligo. Approfittando di questi pochi giorni dove il mio cervello può essere utilizzato, fuori dalle ore di lavoro, anche per una bella grigliata di cazzi miei e non per una padellata di bisogni infantili dei miei meravigliosi figli.
Due. Quest'anno è arrivata lei è sicuramente è l'evento che più mi ha rigenerato e destabilizzato durante tutto l'anno. Riprendere in mano le dinamiche e rimodularle per 4 e non per tre è stato decisamente impegnativo. Considerato che avevo appena avuto una parvenza di riappropriamento delle "mie" cose (qualche serata a far sport, qualche cinema, qualche birretta senza dover organizzare la serata qualche mese prima) il ripiombare in notti semiinsonni (per fortuna lei è molto più brava del fratellone) e nei pannolini non è stato facile.
Adesso mi manca già, ed è solo da meno di un giorno che non la vedo. Che belli i figli, anche se così impegnativi. Basta però. Ok? Due, checchesenedica, è il numero perfetto. Poi maschio e femmina, che altro chiedere? Si, esatto, una BMW 800R. Ma attendiamo i tempi maturi.
2012 anno di lancio nel mondo della libera professione, ancora attaccato al cordone della collaborazione con lo studio, ma nel complesso qualche lavoretto extra lo si è fatto e l'acqua al mulino c'è arrivata. Scorre con maggior difficoltà ma poi arriva...
Lavoro nel complesso con alti e bassi ma finalmente cambiato dal solito burocratico incartamento pubblico!
Dal punto di vista personale qualche passetto in avanti ma sempre lentamente, cosa che va bene ma richiede uno sforzo di volontà immane.
Sempre più convinto che quando qualcosa non vada nel verso giusto la cosa migliore da fare sia chiarire anche a costo di litigarci dietro un bel po' ma a volte mi arrendo di fronte all'impossibilità di alcuni di farlo e quindi attendo. Questione di tempi differenti.
L'importante è non perdere la speranza. Perchè comunque se tieni a un amico devi anche riuscire a rispettare le modalità altrui. La pazienza invece sta un po' scemando, ma come contropartita mi accorgo di aver maturato una buona lettura delle vicende che mi capitano
attorno. Sto diventando davvero grande? Imparando a chiedere scusa, che è sempre una cosa difficile da fare. Aspettare i tempi giusti per fare determinate mosse senza farle per onor della verità. Che fa male. Anche a me. Assaporando con gioia i momenti dedicati a me e le soddisfazione della famiglia che cresce e noi con lei. Si prospetta un anno molto impegnativo tra lavoro moglie, bimbi tra nido covo di malattie e materna organizzata da degli adolescenti
incapaci...
Obiettivi? Si ma anche no.
Charles Tomorrow